Entrata in vigore della legge “Salvamare”

0 Comments

La legge 17 maggio 2022, n. 60 (Disposizioni per il recupero dei rifiuti in mare e nelle acque interne e per la promozione dell’economia circolare, c.d. legge SalvaMare) è stata pubblicata nella G.U. 10 giugno 2022, n. 134.

Tale legge reca disposizioni che, in parte, completano quanto previsto dalla disciplina recentemente introdotta dai decreti legislativi nn. 196 e 197 del 2021.

Al fine di frenare il consumo di plastica monouso e il marine litter, l’UE ha emanato la direttiva 2019/904/UE sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente. Tale direttiva si applica ai prodotti di plastica monouso elencati nell’allegato alla direttiva stessa, nonché ai prodotti di plastica oxo degradabile e agli attrezzi da pesca contenenti plastica. Le nuove regole dettate dalla direttiva prevedono, in particolare:

– l’adozione di misure per conseguire una riduzione ambiziosa e duratura del consumo dei prodotti di plastica monouso e, in particolare, il divieto di immissione sul mercato dei prodotti di plastica monouso elencati nella parte B dell’allegato (bastoncini cotonati, piatti e posate, cannucce, agitatori per bevande, contenitori per alimenti e bevande e relativi tappi e coperchi, …) e dei prodotti di plastica oxodegradabile;

– specifici requisiti dei prodotti e di marcatura degli stessi;

– regimi di responsabilità estesa dei produttori riguardanti i costi di rimozione dei rifiuti;

– obiettivi di raccolta differenziata per il riciclaggio delle bottiglie di plastica del 77% entro il 2025 e del 90%    entro il 2029.

La direttiva 2019/883/UE sugli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi ha introdotto rilevanti novità. In particolare, l’art. 2 della direttiva prevede l’inclusione, tra i rifiuti delle navi assoggettati alle disposizioni della direttiva, anche dei “rifiuti accidentalmente pescati”, che a loro volta sono definiti come i “rifiuti raccolti dalle reti durante le operazioni di pesca”.

In particolare, la legge “Salvamare” stabilisce, al fine di ridurre l’impatto dell’inquinamento marino derivante dai fiumi, che le Autorità di bacino distrettuali introducano, nei propri atti di pianificazione, misure sperimentali nei corsi d’acqua dirette alla cattura dei rifiuti galleggianti.

Si affida al Ministero della transizione ecologica (MiTE) l’avvio di un programma sperimentale triennale di recupero delle plastiche nei fiumi, autorizzando la spesa di 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Pronto intervento nel porto di Trapani

0 Comments

Una chiazza nera ha invaso le acque del porto di Trapani. La Capitaneria di Porto ha accertato la presenza di idrocarburi e sulle cause dello sversamento o dei responsabili si sta indagando. Immediatamente è scattato il piano antinquinamento con la…

Il nuovo sito web di Castalia

0 Comments

Il sito è in fase di rinnovamento e adeguamento. Presto nuovi contenuti e informazioni su tutte le attività ed i progetti di Castalia. Nel frattempo visita la pagina relativa al monitoraggio della flotta Castalia accessibile da qui.

Imbarcazione a vela incagliata nel Golfo di Cagliari

0 Comments

Sardegna, Golfo di Cagliari. Imbarcazione a vela incagliata nella notte tra il 15 e 16 agosto a causa di una forte mareggiata. Castalia, durante il quotidiano servizio di pattugliamento, è intervenuta prontamente sul posto con tender in dotazione all’unità navale…